Dov’è andato l’inverno? Dove sono andata durante l’inverno?

Se dovessi scegliere un animale con il quale identificarmi avrei solo l’imbarazzo della scelta: bradipo, orso, magari anche un po’ elefante. Insomma una creatura non proprio snella e scattante con una spiccata tendenza al letargo, ormai l’avete capito. Se gli impegni professionali non me lo impedissero, mi rintanerei volentieri al calduccio e non uscirei prima del disgelo. Ovviamente se le finanze me lo permettessero mi trasferirei ai Caraibi, ma purtroppo per ora non c’è scampo agli inverni della West Coast. E così durante i mesi invernali ad andare in letargo è stata la scrittura. Riprendo a giocherellare con la tastiera ai primi raggi di sole primaverile. Il mascarpone è stato decisamente meno pigro di me e tra gennaio e aprile qualche foto l’ha scattata. E per convincervi che qualche volta ho anche messo il naso fuori casa e fuori da Victoria, eccovi qui qualche immagine del viaggio a Vancouver effettuato ai primi di gennaio. Ebbene sì, ci ho messo un po’, ma meglio tardi che mai. Nei mesi invernali la luce si fa tenue e glaciale, le ombre si distendono e conferiscono un aspetto ancora più nordico IMG_20150108_150517al meraviglioso paesaggio che divide l’isola di Vancouver dalla terra ferma. Siete pronti per la traversata? Il traghetto è in partenza.1420787023226

Le nuvole creano atmosfere suggestive e a tratti lasciano intravvedere gli ultimi raggi di un sole che saluta timidamente prima di inabissarsi.IMG_20150108_145201 In lontananza si scorge il Mount Baker, di cui vi avevo parlato durante le gite estive. Lo si scorge in lontananza, dietro a quell’isolotto disabitato.

IMG_20150108_150357

Nel breve tragitto da Tsawwassen a Swartz Bay, ossia da Victoria a Vancouver, incontriamo numerosissime isole, alcune splendidamente incontaminate, altre abitate da pochi fortunati che si godono la pace del luogo. Chi è cresciuto nell’affollatissimo capoluogo ligure si sente un po’ sperduto a queste latitudini dove tutto è silenzio.  La bellezza di questi paesaggi mi risulta stranamente inquietante. IMG_20150108_150634

Cosa ci vogliamo fare, sono mediterranea, amo il caldo, il sole e i colori. Chissà per quale strana legge del contrappasso mi ritrovo qui? Chi lo sa, ma comunque riesco ad apprezzarne il fascino, per quanto evanescente. IMG_20150108_151041Il paesaggio cambia in continuazione, le nuvole appaiono e scompaiono. Faccio qualche giro per il traghetto per non perdermi nessun aspetto di questo meraviglioso panorama. Mi muovo rapidamente da prua a poppa insieme a qualche intrepido viaggiatore, la maggior parte fumatori costretti a sfidare le intemperie pur di godersi una sigaretta. Io avanzo a passo spedito per per evitare il congelamento e per cogliere le immagini più suggestive.

IMG_20150108_150810

La nebbia non manca quasi mai, per fortuna è giocherellona e il vento dispettoso accorre in mio aiuto. Il traghetto avanza e non oso pensare se questo salvagente possa avere altri usi oltre a quello decorativo. Ho letto che in gennaio la persona media muore assiderata nel giro di pochi minuti. Visto che sono estremamente freddolosa forse avrei un’agonia più breve. Sempre meglio guardare il lato positivo delle cose…IMG_20150108_150704 In caso, il salvagente ce l’hanno messo e mi sembra piuttosto carino. Mi ricorda le lunghe giornate estive e le meravigliose crociere dell’infanzia. Per me, abituata a viaggiare sulle navi della Società Italia, prendere il traghetto è sempre una festa. Certo non sono proprio i transatlantici nostrani, ma il piacere di navigare non si scorda mai. Adoro partire, anche quando le temperature scendono al di sotto del mio livello di guardia. IMG_20150108_150652

 

 

Annunci

6 thoughts on “Dov’è andato l’inverno? Dove sono andata durante l’inverno?

  1. E’ vero che nei mesi invernali in questa zona, con il suo cielo piombeo, si dimentica il fatto che per quanto riguarda la flora il littorale Victoriano vanta la classificazione “sottomediterraneo.” Insomma, anche se questa costiera e’ molto diversa dalla Riviera dei Fiori o dalla Riviera di Ulisse, la sua bellezza primitiva merita uno sguardo fisso e un omaggio lirico. Avvaliamocene, suvvia! Bellissime queste tue riflessioni, Mari!

  2. E’ l’uforia delle vacanze che mi rende creativa. Quest’inverno è stato davvero stressante, una maratona ansiogena, ma ho conservato parecchie foto, quindi adesso riprendo l’attività, o almeno spero 😃

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...