Dulcis in primis

Massimo Montanari, famoso storico e teorico dell’alimentazione, spiega la valenza simbolica del dolce, tradizionalmente abbinato ai giorni di festa, alle celebrazioni. Nascono così nell’ambito italiano i vari tipi di pane dolce, tra cui spicca il Panettone ormai sinomimo di Natale. Mentre i nostri antenati raramente avevano la fortuna di assaggiare cibi dolci, nelle società postindustriali la difficoltà consiste proprio nell’evitare l’eccesso di glucosio negli alimenti. Sembra che in Canada e negli Stati Uniti dove l’obesità ha raggiunto quote che oscillano tra il 25 e il 45% della popolazione, gli zuccheri siano praticamente onnipresenti, nascosti nei cibi più impensati: dai condimenti per le insalate, gli innumerevoli salad dressing, alla salsa di pomodoro, senza disdegnare certi tipi di fagioli in scatola e la maggior parte dei cibi preconfezionati. Insomma se nel periodo medieval tra gli strati più poveri della popolazione era raro senza assaggiare qualcosa di più dolce del latte, oggi giorno le fasce economicamente più deboli sono condannate a cibarsi di alimenti altamente zuccherati. Lo sciroppo di mais, meglio noto come high glucose corn syrup, è diventato la bestia nera, l’ingrediente praticamente onnipresente, soprattutto negli alimentiindustriali. Il dolce quindi troneggia sulla tavola, non solo nei cibi, ma soprattutto nelle bevande: succhi di frutta, bibite gassate e tutti i derivati del caffelatte creati da Starbucks e da altre catene meno famose, ma ancor più stucchevoli nel gusto.

images-2

Leggevo oggi in un quotidiano nazionale che l’americano e il canadese medio ingurgitano più di un etto di zucchero al giorno senza accorgersene. A mangiarlo a cucchiaiate credo che non ci riuscirebbe nessuno, ma dilazionato e celato in mille salse a quanto pare diventa appetibile o meglio inevitabile perché i cibi più a buon mercato sono saturi di zuccheri.

Diversamente da quanto avveniva nelle epoche precedenti il grasso diventa sinomino di povertà, non di abbondanza. Il cibo torna ad essere un fattore di distinzione sociale con qualche inversione di tendenza e qualche paradosso: il pane, quello fatto artigianalmente con ingredienti naturali, farina, acqua, lievito e sale, risulta più caro del companatico. In seguito all’industrializzazione dei prodotti alimentari, i cibi più naturali costano assai di più e diventano appannaggio di una minoranza. Lo stesso accade per le verdure coltivate localmente senza pesticidi. La verdura, un tempo sinonimo di cucina povera, occupa un posto di maggior prestigio della carne, soprattutto quella di manzo, ormai più economica del pollo. La paura della “mucca pazza” ha fatto sì che almeno su quest’isola i polli siano considerati più pregiati della carne rossa e il dolce, cammuffato e consumato in eccesso, smette di allietare l’esistenza per trasformarsi in nemico della salute.

Annunci

8 thoughts on “Dulcis in primis

    • Beh, in Italia le cose non sono così tragiche, in parte perché sull’insalata si da per scontato che ci si metta solo l’olio e l’aceto, il sugo di solito lo si fa in casa e bibite gassate se ne consumano decisamente meno. Certo bisogna stare attenti alle merendine, ma tutto sommato c’è molto meno zucchero aggiunto nei cibi italiani. Qui anche la maionese è dolciastra perché contiene il corn syrup. Non per niente chi va negli Stati Uniti di solito ingrassa, idem per l’Inghilterra. Il discorso alimentare è complesso, pensa che a scuola hanno circa 10 minuti per pranzare, altro che educazione alimentare.

    • Anche se cerchi la ricetta per i baked beans vedrai che ci aggiungono lo zucchero. Io sono cresciuta con il concetto che nei piatti salati, ossia in quasi tutti, non si usi lo zucchero, qui lo mettono anche nel polpettone di carne, il meatloaf. C’è anche nella maionese, i salad dressino sono pieni di zucchero, nelle marmellate la quantità di frutta è minima, è quasi tutto glucosio, per lo più sciroppo di mais. Nel pan carré c’è per lo meno la melassa, se non lo zucchero o, per non sbagliarsi, tutti e due. Evitarlo è uno slalom.

  1. Ottima analisi dei cambiamenti socio-alimentari. In effetti, non ci avevo mai pensato, ma la situazione si è quasi ribaltata. Se quest’anno mi capita di nuovo geografia, questa me la gioco a scuola, ti dispiace?
    Buona domenica 🙂

    • Non mi dispiace affatto, anzi! Per fortuna credo che in Italia ci siano delle restrizioni che non consentano di aggiungere tanti zuccheri, ma qui e negli Stati Uniti è una cosa tremenda. Buona domenica anche a te 😃

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...